Servizio-CCL.ch
Servizio-CCL.ch Logo Unia

Contratto Unia CCL delle industrie orologiera e microtecnica svizzere

Versione del CCL

Contratto collettivo di lavoro : dal 01.01.2017
Conferimento dell’obbligatorietà generale: (nessun dato)

Criterio di selezione (51 su 51)

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCLRamo professionaleResponsabile del CCLNumero di occupati assoggettatiNumero di aziende assoggettate

Campi di applicazione

Informazioni sintetiche sul campo d'applicazioneCampo d'applicazione geograficoCampo d'applicazione aziendaleCampo d'applicazione personaleCampo d'applicazione geografico con carattere obbligatorio generaleCampo d'applicazione aziendale con carattere obbligatorio generaleCampo d'applicazione personale con carattere obbligatorio generale

Durata della convenzione

Proroga contrattuale automatica / clausola di proroga 

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica 
Dettagli CCL conformemente al criterio di selezioneinizio pagina

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCL

Sovraregionale

Ramo professionale

Industria orologeria e microtecnica

Responsabile del CCL

Madalena Bortnik

Numero di occupati assoggettati

49'486 di cui circa 22'500 donne (2016)

Numero di aziende assoggettate

410 (2016)

Campi di applicazione

Campo d'applicazione geografico

Il presente contratto si applica a tutte le aziende associate alle organizzazioni padronali firmatarie e con sede in territorio svizzero.

Articolo 1.1

Campo d'applicazione aziendale

Il presente contratto si applica a tutte le aziende associate alle organizzazioni padronali firmatarie e con sede in territorio svizzero.

Articolo 1.1

Campo d'applicazione personale

Il presente contratto si applica ai dipendenti iscritti al sindacato Unia,
che esercitano il loro lavoro in fabbrica o a domicilio, indipendentemente
dalle rispettive modalità di retribuzione.

Articolo 1.1

Durata della convenzione

Proroga contrattuale automatica / clausola di proroga

Se il presente contratto non viene disdetto almeno quattro mesi prima della scadenza (31.12.2021), rimane in vigore per un ulteriore anno.

Articolo 1.22

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica

Convenzione padronale dell'industria orologiera svizzera - CP
Av. Léopold-Robert 65
Casella postale
2301 La Chaux-de-Fonds
032 910 03 83
info@cpih.ch
www.cpih.ch

Unia:
Madalena Bortnik
madalena.bortnik@unia.ch

Condizioni di lavoro

Salario e componenti salariali

Salari / salari minimi

Dipendenti non qualificati:
Cantone/RegioneCondizioniSalarioCommento
Berna (eccetto Giura bernese)Da 20 annniCHF 3'675.--Casi speciali vengono negoziati
Dopo 5 anni d'esperienzaCHF 3'925.--
GinevraDurante la formazione di base (6 mesi)CHF 3'555.--Dopo la formazione di base i dipendenti accedano alla categoria "Specializzato", senza possibilità di ridurre il salario 5%
Giura/Giura berneseDa 19 anniCHF 3'400.--Durante i 3 primi mesi una riduzione del salario di 5% è possibile se la prima assunzione nel ramo orologiera e microtecnica
Fino a 19 anniCHF 3'000.--
NeuchâtelDa 19 anniCHF 3'700.--
Soletta/ Basilea-C./Basilea-C./ LengnauDa 20 anni, dopo 6 mesi d'esperienzaCHF 3'435.--
TicinoCHF 3'002.--partecipazione padronale alle spese dell'assicurazione malattia comprese
ValleseCHF 3'440.--Casi speciali vengono negoziati
Vaud/FriburgoDa 19 anniCHF 3'540.--

Dipendenti qualificati:
RegioneCondizioniSalarioCommento
Berna (eccetto Giura bernese)CFC 4 anniCHF 4'385.--Durante i primi 6 mesi, il salario puo essere inferiore del 5% al massimo
CFC 3 ansCHF 4'085.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
GinevraQualificazione ACHF 4'530.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
A partire da 3 annni di praticaCHF 4'800.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
Qualificazione BCHF 4'200.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
SpecializatiCHF 4'060.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
Giura/Giura berneseCon CFCCHF 3'940.--Durante i primi 6 mesi, reduzione del 5% di formazione complementaria è necessaria
NeuchâtelCFC 3 o 4 anni (o altre formazioni riconosciute equivalenti), a partire dai 22 anniCHF 4'470.--
Altri dipendenti qualificati, a partire dai 22 anni (senza CFC o senza formazione riconosciuta equivalente)CHF 4'050.--
Soletta/ Basilea-C./Basilea-C./ LengnauCFC 4 anni, a partire dai 20 anni, dopo 6 mesi di contrattoCHF 4'080.--
CFC 3 annni, a partire dai 20 anni, dopo 6 mesi di contrattoCHF 3'730.--
ValleseCFC 4 anniCHF 4'400.--Durante i primi 6 mesi, il salario può essere inferiore del 5% al massimo
Vaud/FriburgoQualificazione ACHF 4'240.--
Qualificazione BCHF 3'820.--

Giovani / studenti / lavori estivi:
RegioneCondizioniSalarioCommento
GinevraFino a 18 anniCHF 3’128.--Vacanze incluse
A partire dai 18 anniCHF 3’241.--Vacanze incluse
A partire dai 19 anniCHF 3'337.--Vacanze incluse
Neuchâtel15 / 16 anniCHF 2’590.--Per giovani / studenti con contratto limitato; il 70% del salario dei dipendenti non-qualificati (CHF 3’700.--)
17 anniCHF 2'775.--Per giovani / studenti con contratto limitato; il 75% del salario dei dipendenti non-qualificati (CHF 3’700.--)
A partire dai 18 anniCHF 3'330.--Per giovani / studenti con contratto limitato; il 90% del salario dei dipendenti non-qualificati (CHF 3’700.--)

Cantone di Neuchâtel: con effetto retroattivo al 4 agosto 2017 salario minimo legale di CHF 19.70 / ora. Il salario minimo è adattato automaticamente e annualmente al Indice nazionale dei prezzi al consumo (IPC; base agosto 2014).

Partecipazione padronale alle spese dell'assicurazione malattia:
Il dipendente assicurato per le spese mediche, farmaceutiche e ospedaliere ha diritto ad una partecipazione padronale di CHF 175.-– mensili.
La partecipazione padronale è dimezzata per i dipendenti che per loro scelta effettuano un orario inferiore al 50% dell’orario normale dell’azienda.
I dipendenti a domicilio ricevono un contributo padronale corrispondente al 2,1% del loro salario fino al raggiungimento di CHF 175.-– mensili.

Articoli 17.2 e 21

Categorie salariali

I salari minimi vengono fissati per le categorie di personale seguenti:
– dipendenti non qualificati.
– dipendenti qualificati.

Articolo 17.2

Aumento salariale

Per informazione:
Ogni anno le parti contraenti fissano i salari minimi del presente CCL. In linea di principio, tali trattative si svolgono successivamente a quelle riguardanti la compensazione del rincaro, su richiesta della parte più diligente.

Articoli 17.2 e 18

Indennità di fine anno / tredicesima mensilità / gratifica / premio per anzianità di servizio

I dipendenti assoggettati al contratto collettivo di lavoro, dipendenti a domicilio compresi, ricevono una tredicesima mensilità.

Articolo 19.1

Assegni per i figli

Tipo degli assegniMontante
Assegni per i figli (in Svizzera e all'estero)CHF 200.-- mensili per ciascun figlio
Assegni di formazione professionaleCHF 250.-- mensili, versati fino al compimento del 25° anno di età
Assegni complementari per i figli/assegni complementari di formazione professionaleCHF 82.50 il mese
Assegni di nascitaCHF 1'000.--

Sono fatte salve le norme cantonali più favorevoli.

Articolo 20

Supplementi salariali

Lavoro straordinario / ore supplementari

Il datore di lavoro e il/la dipendente decidono di comune accordo se
- compensare le ore straordinare richieste con un congedo di uguale durata, oppure se
- retribuirle, a partire dalla prima ora, per i dipendenti che lavorano alla produzione, con un supplemento del 25%.

Articolo 13.2

Lavoro notturno / lavoro al fine settimana / lavoro serale

Nel caso in cui un’azienda decida di elaborare, per l’intera azienda o parte di essa, un concetto di produzione che preveda il lavoro continuato, il lavoro a turni, il lavoro notturno o analoghi sistemi di organizzazione del tempo di lavoro che derogano al normale orario di lavoro, tali orari devono essere
oggetto di un accordo negoziato tra l’azienda, il segretario padronale e il segretario del sindacato Unia interessati.

Sono fatte salve le disposizioni legali riguardanti la protezione dei dipendenti in caso di lavoro a turni, lavoro continuato o lavoro notturno nonché in caso di prolungamento della settimana lavorativa, servizio di picchetto o lavoro domenicale.

Articoli 14.2 fino a 14.4

Lavoro a turni / servizio di picchetto

Nel caso in cui un’azienda decida di elaborare, per l’intera azienda o parte di essa, un concetto di produzione che preveda il lavoro continuato, il lavoro a turni, il lavoro notturno o analoghi sistemi di organizzazione del tempo di lavoro che derogano al normale orario di lavoro, tali orari devono essere
oggetto di un accordo negoziato tra l’azienda, il segretario padronale e il segretario del sindacato Unia interessati.

Sono fatte salve le disposizioni legali riguardanti la protezione dei dipendenti in caso di lavoro a turni, lavoro continuato o lavoro notturno nonché in caso di prolungamento della settimana lavorativa, servizio di picchetto o lavoro domenicale.

Articoli 14.2 fino a 14.4

Rimborso spese

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Orario di lavoro e giorni liberi

Orario di lavoro

La durata del lavoro settimanale contrattuale è di 40 ore.

Articolo 13.1

Vacanze

Categoria d'etàsettimane di vacanza
Sino al compimento del 17° anno d'etàalmeno 7 settimane
Sino al compimento del 20° anno d'etàalmeno 6 settimane
A partire dal compimento del 20° anno d'etàalmeno 5 settimane
A partire dal compimento del 50° anno d'etàalmeno 6 settimane

Gli apprendisti che si preparano ad un attestato federale di capacità o ad un certificato federale di formazione pratica hanno diritto a:
– sette settimane di vacanza durante il 1° anno d’apprendistato;
– sei settimane di vacanza a partire dal 2° anno d’apprendistato.

La settimana di sport nell’ambito di Gioventù e Sport rientra nelle settimane di vacanza sopra menzionate.
Ai dipendenti di età sino a 30 anni viene concessa un’ulteriore settimana di vacanza non retribuita per le attività giovanili extrascolastiche ai sensi dell’art. 329e CO. Tale settimana non viene retribuita.

Articolo 15.3

Giorni di congedo retribuiti (assenze)

Assenze giustificatecongedi retribuiti
Matrimonio del dipendente2 giorni, indipendentemente dalla data del matrimonio
Decesso di un coniuge, di un figlio o dei genitorifino a 3 giorni
Decesso dei suoceri, di un fratello o di una sorella:
qualora tali persone vivessero nell’economia domestica del dipendentefino a 3 giorni
in caso contrariofino ad 1 giorno
Trasloco, a condizione che il trasloco non sia legato ad un cambio di datore di lavoro1 giorno per anno civile
Ispezione delle armi
Ispezione delle armi e dell’equipaggiamento0.5 giornata
Se la lontananza del luogo dell’ispezione militare sia tale da impedire al dipendente di ritornare al proprio posto di lavoro il giorno stesso1 giorno
Cure al proprio coniuge, ai membri della propria famiglia in linea diretta e ai fratelli e alle sorelle che vivono nella sua economia domesticafino a 3 giorni

Articoli 23.2.1 e 25

Giorni festivi retribuiti

I giorni festivi pagati sono nove e includono obbligatoriamente il 1° agosto;
tali giorni vengono fissati nel rispetto delle legislazioni cantonali e delle usanze regionali.
Laddove il 1° maggio non sia un giorno festivo, è comunque un giorno non lavorativo.
I dipendenti con salario orario percepiscono il salario corrispondente al loro normale orario di lavoro. A tal fine viene considerato il salario medio percepito negli ultimi tre mesi.
I dipendenti a domicilio percepiscono un salario equivalente a 1/65 del salario lordo totale percepito nei tre mesi precedenti il giorno festivo.

Articolo 16

Congedo di formazione

- Congedo di formazione : fino a 3 giorni annui; per i dipendenti con tre anni di presenza continuativa in un’azienda o all’interno di uno stesso gruppo aziendale.
- Congedi di formazione in legislazione sociale : fino a 5 giorni annui; per i dipendenti che ricoprianno una carica congenere.

Articoli 5, 26.2, 27

Indennità per perdita di guadagno

Malattia / infortunio

100% del salario durante:
Anni di servizioperiodo
Nel primo anno di servizio1 mese
Dopo un anno di servizio2 mesi
Dopo tre anni di servizio3 mesi
Dopo otto anni di servizio4 mesi
Dopo dieci anni di servizio5 mesi
Dopo venti anni di servizio6 mesi
nel corso di un periodo di dodici mesi consecutivi conteggiati a partire dall’inizio dell’incapacità lavorativa per malattia/infortunio. Il diritto al salario decade quando è stato esaurito e quando il dipendente non ha ripreso il lavoro.

Assicurazione collettiva: indennità giornaliera dell’80% del salario lordo (compresa la tredicesima mensilità) almeno 720 giorni nell’arco di un periodo di 900 giorni.

Articolo 22.3

Congedo maternità / paternità / parentale

- Congedo di maternità: 100% del salario,
1. o sedici settimane di congedo di maternità retribuito, anche nel caso in cui la dipendente non riprenda più il lavoro. In questo caso, tuttavia, la dipendente deve avvertire l’azienda entro 30 giorni dal parto. In caso contrario le vengono versate solo le indennità federali di maternità. In caso di comunicazione tardiva, il rapporto di lavoro cessa alla scadenza del congedo di maternità ridotto; il saldo delle vacanze va retribuito in contanti.
2. o diciotto settimane di congedo di maternità retribuito se, entro 30 giorni dal parto, s’impegna per iscritto a non rescindere il rapporto di lavoro nei 12 mesi successivi alla fine del congedo di maternità prolungato. All’occorrenza il datore di lavoro ha il diritto di esigere la restituzione della prestazione percepita in eccesso.
- Congedo di nascita per i padri:
1. nascita del primo figlio : 5 giorni
2. a partire dal secondo figlio o in caso di nascite multiple : 10 giorni.
Questi 5 o 10 giorni possono essere frazionati nel mese successivo al giorno della nascita.
- Congedo di adozione: 10 settimane consecutive, 100% del salario (a condizione che la durata del rapporto di lavoro sia stata di almeno dieci mesi alla data del collocamento in famiglia del bambino, che il bambino adottato ha un’età inferiore ai sei anni compiuti e che non è figlio dell’altro coniuge.
- Congedo educativo: 3 - 12 mesi di congedo educativo non retribuito su richiesta del dipendente, a condizione che al momento della richiesta il dipendente sia stato assunto nell’azienda da almeno un anno.

Articoli 23.1 e 23.2

Servizio militare / civile / di protezione civile

ServizioIndennità
Scuola reclute:
Celibi senza obblighi di assistenza50% del salario
Coniugati o celibi con obblighi di assistenza75% del salario
Altri servizi d’istruzione:
30 primi giorni100% del salario
A partire dal 31° giorno:
- Celibi senza obblighi di assistenza50% del salario
- Coniugati o celibi con obblighi di assistenza80% del salario
Corsi di ripetizione100% del salario
Il servizio civile, il servizio di protezione civile, il servizio di Croce Rossa e il servizio di aiuto all’estero disposto dall’autorità federale sono equiparati al servizio militare obbligatorio.

Articolo 24

Regolamentazioni in materia di pensionamento / pensionamento anticipato

Pensionamento modulare:
Nei due anni che precedono l’età ordinaria di pensionamento AVS, il dipendente ha diritto al pensionamento modulare. Il dipendente deve fare valere il proprio diritto almeno un anno prima che ne possa beneficiare. Il dipendente ha diritto al pensionamento modulare se vanta:
– dieci anni di attività nell’azienda o nel gruppo oppure
– dieci anni di attività su un totale di dodici anni in aziende affiliate.
Tali periodi precedono immediatamente il pensionamento modulare.

Pensionamento anticipato:
Durante l’anno che precede l’età ordinaria del pensionamento AVS, il dipendente che cessa ogni attività lucrativa ha diritto ad una rendita ponte AVS nel caso in cui, al momento del primo versamento della rendita, conti:
– dieci anni di servizio nell’azienda o nel gruppo oppure
– dieci anni di servizio su un totale di dodici in aziende affiliate.
Il dipendente deve fare valere il proprio diritto presso il datore di lavoro almeno dodici mesi prima del momento in cui ne beneficia. In ogni caso il dipendente inoltra le proprie dimissioni nel rispetto dei termini legali o contrattuali.
L’importo della rendita ponte AVS è fissato a CHF 24’000.– per un anno. Nel caso in cui durante il periodo di riferimento la media del grado d’occupazione del dipendente sia stata inferiore al 100%, la rendita ponte viene ridotta proporzionalmente.

Articolo 28

Contributi

Fondo paritetico / contributi per le spese di esecuzione / contributi per il perfezionamento

Prevhor (fondation de prévoyance des industries horlogère et microtechnique):
Lo scopo della fondazione è consegnare i certificati Prevhor ai lavoratori beneficiari. Inoltre essa riceve, gestisce e versa un importo annuale destinato a coprire una parte dei costi di formazione professionale delle aziende affiliate e delle organizzazioni di dipendenti.

Per la durata del presente contratto la fondazione riceverà ogni anno dalla Convenzione padronale un importo di CHF 5’828’000.–-, di cui CHF 4’828’000.–- destinati ai certificati sindacali e padronali e CHF 1’000’000.-– alla copertura die costi di formazione professionale.

I costi di formazione professionale sono ripartiti in Ragione di ¾ per le aziende affiliate e ¼ per le organizzazioni di dipendenti.

Articolo 3

Protezione del lavoro / contro la discriminazione

Disposizioni antidiscriminazione

Integrazione dei disabili:
Le aziende devono prendere in esame con il massimo impegno possibile ogni possibilità volta ad integrare disabili negli uffici e nei reparti. L’integrazione avviene tenendo conto delle capacità lavorative di ogni singola persona, in collaborazione con la commissione
del personale o la/il delegata/-o sindacale.

Articolo 10.5

Parità in generale / parità salariale / conciliazione della vita professionale e familiare / molestie sessuali

Parità nei rapporti di lavoro:
Le aziende non possono discriminare i dipendenti in base al sesso, né direttamente né indirettamente, in particolare basandosi sul loro stato civile o sulla loro situazione familiare o, nel caso delle donne, sulla gravidanza.
Il divieto di ogni forma di discriminazione si applica in particolare nelle assunzioni, nell’attribuzione dei compiti, nell’organizzazione delle condizioni di lavoro, nella retribuzione, nella formazione e nel perfezionamento professionali, nella promozione e nella rescissione dei rapporti di lavoro.
Non costituiscono forme di discriminazione i provvedimenti adeguati volti a promuovere l’effettiva parità tra donne e uomini.
Le parti incoraggiano il ricorso agli strumenti che permettono di eliminare le differenze salariali non spiegabili da fattori quali l’età, l’anzianità di servizio, la formazione, la funzione e il rendimento.

Molestie sessuali:
Per molestia sessuale si intende ogni comportamento importuno di carattere sessuale o ogni altro comportamento basato sull’appartenenza sessuale, che arrechi affronto alla dignità della persona sul suo luogo di lavoro, in particolare il fatto di proferire minacce, promettere vantaggi, imporre coercizioni o esercitare su una persona pressioni di qualsiasi tipo allo scopo di ottenere da essa favori di natura sessuale.

Articoli 8 e 9.2

Sicurezza sul lavoro / protezione della salute

L’azienda designa un coordinatore della sicurezza. Il coordinatore della sicurezza dà impulso al processo di tutela della salute sul lavoro e consiglia la direzione e il personale nell’elaborazione e nell’applicazione dei relativi provvedimenti. Il coordinatore della sicurezza comunica altresì le direttive e le decisioni adottate dalla direzione in materia.

Molestie morali (mobbing) e professionali:
Per molestia morale e professionale si intende ogni comportamento unilaterale di abuso manifestato in modo grave e ripetitivo, in particolare attraverso comportamenti, parole, azioni, gesti e scritti atti a recare affronto alla personalità, alla dignità o alla salute di una persona, a mettere in pericolo il suo lavoro, ad ottenere un vantaggio professionale o a degradare in modo manifesto l’ambiente di lavoro.

Articoli 9.1 e 10.2

Apprendisti / dipendenti fino a 20 anni d'età

Subordinazione CCT:
Gli apprendisti non sono sottoposti al questo CCT. Ma l'applicazione delle disposizione del CCT su: le vacanze, il servizio militare, malattia e infortunio e la protezione della maternità e della famiglia obbligatoria, È raccomandato d'applicare un statuto particolare per gli apprendisti.

Retribuzione mensile degli apprendisti:
AnnoSalario: % del salario mensile mediano orologiera
1° anno10-15%
2° anno15-20%
3° anno20-25%
4° anno25-30%

Vacanze:
ChiVacanze
Apprendisti, 1° anno7 settimane
Apprendisti, a partire del 2° anno6 settimane
Sino al compimento del 17° anno d’età7 settimane
Sino al compimento del 20° anno d’età6 settimane
vacanza giovanili (di età sino a 30 anni, per attività giovanili volontaria) non retribuita1 settimana

Al momento della prima entrata in servizio, i giovani che hanno terminato l’apprendistato o la scuola hanno diritto a:
– le vacanze corrispondenti al periodo di chiusura generale dell’azienda, nel caso in cui l’entrata in servizio sia precedente al citato periodo;
– il diritto completo alle vacanze per l’anno seguente, nel caso in cui l’entrata in servizio sia immediatamente successiva al periodo di chiusura generale delle aziende che applicano l’anno orologiero.

Articoli 15.3, 15.10, 17, 29 (statuto degli apprendisti); Art. 329e CO

Disdetta

Termine di preavviso

Il periodo di prova dura un mese. Previo accordo scritto, può essere prolungato fino a tre mesi.

Anni di servizioTermine della disdetta
1° anno1 mese
A partire del 2° anno2 mesi
A partire del 10° anno3 mesi

Articolo 7.2

Protezione contro il licenziamento

Al termine del periodo di prova, il datore di lavoro non può disdire il contratto di lavoro nei seguenti periodi:
- nel corso dei primi 56 giorni di malattia o infortunio nel primo anno di servizio. Tale termine è ridotto a 30 giorni in caso di malattia sopravvenuta dopo la pronuncia del licenziamento;
- nel corso dei primi 112 giorni di malattia o infortunio dal 2° al 5° anno di servizio;
- nel corso dei primi 180 giorni di malattia o infortunio dal 6° anno di servizio;
- nel corso dei primi 720 giorni d’incapacità lavorativa dal 10° anno di servizio.

Articolo 12.2

Partenariato sociale

Parti contraenti

Rappresentanza dei lavoratori

Sindacato Unia

Informazione:
Esiste anche un CCL con il syndicato Syna (vedi "documenti e link").

Rappresentanza dei datori di lavoro

Convenzione padronale dell'industria orologiera svizzera

Organi paritetici

Organi d'esecuzione

Il controllo della corretta applicazione del presente contratto è di competenza del segretario padronale e del segretario Unia interessati.

Il controllo è istituito secondo le seguenti modalità:
- le organizzazioni padronali vigilano, mediante i propri iscritti, sull’applicazione delle disposizioni del contratto;
- qualora il sindacato Unia si ritenga in diritto di dubitare della corretta applicazione delle disposizioni in vigore, può richiedere all’organizzazione padronale di effettuare un controllo.

Articolo 1.9

Fondo

Fondazione di previdenza delle Industrie orologiera e microtecnica svizzere (PREVHOR):
- La fondazione consegna i certificati Prevhor ai lavoratori beneficiari.
- Incoraggiamento per la formazione professionale.

Articolo 3

Partecipazione

Congedo per partecipare alle attività sindacali

Qualora il sindacato Unia richieda la partecipazione di dipendenti nella propria commissione per le trattative, nei suoi gruppi di lavoro e sotto-commissioni, nonché nelle commissioni paritetiche, il datore di lavoro concede ai dipendenti interessati i congedi necessari.
Il datore di lavoro concede altresì i congedi necessari ai dipendenti eletti alla carica di delegati alla Conferenza professionale dell’industria orologiera e all’Assemblea del settore Industria del sindacato Unia (in principo 1 giorno l’anno).
I suddetti congedi sono retribuiti e non possono essere detratti né dalle vacanze né dalle prestazioni previste dall’art. 324a CO e dalle corrispondenti norme del contratto.

Articolo 5

Disposizioni in materia di partecipazione (commissioni aziendali, commissioni giovanili ecc.)

Commissione del personale:
In ogni azienda con oltre 50 dipendenti viene istituita una Commissione del personale e sottoposto a un regolamento. La commissione rappresenta e difende gli interessi morali e materiali dei dipendenti nei confronti della direzione, ad eccezione dei problemi e delle controversie derivanti dai CCL. Il tempo dedicato alle sedute viene retribuito sino ad un massimo di quattro ore mensili, nella misura in cui tali sedute rientrino nel normale orario di lavoro dell’azienda.

Articoli 4.1 a 4.3

Disposizioni di protezione per i delegati sindacali e i membri delle commissioni aziendali/del personale

Commissione del personale:
I membri delle commissioni del personale non possono essere licenziati per motivi attinenti alla loro attività in qualità di membri della commissione, fatta eccezione per i casi di abuso.

Delegati sindacale:
I delegati sindacali titolare e i loro aggiunti non possono essere licenziati per motivi attinenti alla loro attività di delegati sindacali; è fatta eccezione per i casi d’abuso, che sono discussi in via preliminare tra i segretari padronali, i segretari sindacali e la direzione dell’azienda.

Libertà d’associazione:
La libertà d’associazione del personale è garantita sia in Svizzera, sia nelle succursali delle aziende svizzere dislocate all’estero. In particolare, non può essere adottato nessun provvedimento, sotto alcuna forma, nei confronti dei dipendenti a causa delle loro appartenenze ad un sindacato.

Articoli 1.4 e 4

Misure sociali / piani sociali / licenziamenti di massa / mantenimento dei posti di lavoro

In caso di licenziamenti per cause economiche, di chiusura e di trasferimento d’azienda, il datore di lavoro, il segretario padronale e il segretario del sindacato Unia interessati predispongono, di comune accordo e per ogni singolo caso, un documento contenente tutti i provvedimenti economici e sociali riguardanti i dipendenti interessati e le relative misure adottate.
Quando non è possibile definire le prestazioni a causa di un concordato con abbandono dell’attivo o di un fallimento dell’azienda, i dipendenti di età pari o superiore a 55 anni hanno diritto ad un’indennità supplementare pari a due mesi di salario.
Qualora i licenziamenti per cause economiche siano inevitabili, le parti contraenti convengono di tenere equamente conto dei criteri sociali definiti di comune accordo. I casi di rigore saranno esaminati con particolare riguardo.

Articoli 6.3 e 6.4

Disciplina sui conflitti

Procedura di conciliazione

GradoIstituzione responsabile/
1° gradoSegretari padronale e segretari Unia interessati
2° gradoMediatori regionale competente
3° gradoTribunale arbitrale

Articoli 1.9 a 1.14

Obbligo della pace

Al fine di prevenire conflitti sociali pregiudizievoli agli interessi del Paese e delle popolazioni interessate dal presente CCL, durante il periodo di validità del presente contratto la Convenzione padronale, le organizzazioni padronali e i loro membri da una parte e il sindacato Unia e i suoi affiliati
dall’altra, evitano ogni azione suscettibile di pregiudicare i buoni rapporti tra datori di lavoro e dipendenti. In particolare le parti contraenti si impegnano ad evitare il ricorso ad ogni forma di serrata e di sciopero.

Articolo 1.3

Documenti e link  inizio pagina
» CCL delle industrie orologiera e microtecnica svizzere 2017 - 2021 (Unia) (764 KB, PDF)
» Salari minimi 2017 (non esiste in versione italiana) (220 KB, PDF)
» CCL delle industrie orologiera e microtecnica svizzere 2017 - 2021 (Syna) (2792 KB, PDF)
» CCT des industries horlogère et microtechnique suisses 2017 - 2021 (Syna) (4910 KB, PDF)

Esportazione inizio pagina
» Documento PDF
» Scarica file Excel
Salario usuale del ramo professionale: inizio pagina
 

    Al momento il suo elenco dei preferiti non contiene alcuna versione di CCL.


Unia Home


Produktion (Version 5.4.5)