Servizio-CCL.ch
Servizio-CCL.ch Logo Unia

Contratto Unia CCL per il settore privato dei servizi di sicurezza

Versione del CCL

Contratto collettivo di lavoro : dal 01.01.2020
Conferimento dell’obbligatorietà generale: 01.06.2020 - 31.12.2022

Criterio di selezione (51 su 51)

Dettagli CCL conformemente al criterio di selezioneinizio pagina

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCL

Tutta la Svizzera

Ramo professionale

Servizi di sicurezza

Responsabile del CCL

Arnaud Bouverat

Numero di occupati assoggettati

21'684 (2020)

Numero di aziende assoggettate

231 (2020)

Campi di applicazione

Campo d'applicazione geografico

Il CCL si applica a tutti i datori di lavoro nazionali ed esteri (aziende o reparti aziendali) che forniscono servizi di sicurezza in Svizzera.

Articolo 2.1

Campo d'applicazione aziendale

Il CCL si applica a tutti i datori di lavoro nazionali ed esteri (aziende o reparti aziendali) che forniscono servizi di sicurezza in Svizzera.
Le aziende subalppaltatrici vanno obbligate contrattualmente a rispettare il CCL.

Nel campo di applicazione rientrano i servizi di sicurezza prestati negli ambiti della sorveglianza, la protezione delle persone e dei beni, il controllo degli accessi, i servizi in centrali d’allarme, la sicurezza presso gli aeroporti (controllo di persone, documenti o bagagli), il trasporto di denaro – CIT (Cash in Transit), il trasporto di valori (orologi, gioielli, metalli preziosi, esclusa la gestione dei valori), i servizi manifestazione (controllo entrate e servizi alla cassa), i servizi di assistenza alla sicurezza (i cosiddetti steward service) e i servizi di circolazione (sorveglianza del traffico in stazionamento e regolazione del traffico).

Articolo 2.1 – 2.4

Campo d'applicazione personale

Si applica a tutti i collaboratori operativi. Non sono soggetti al presente CCL i direttori e le direttrici, i membri della direzione e il personale non operativo.

Il datore di lavoro è tenuto ad applicare il presente CCL a tutti i collaboratori che rientrano nel campo di applicazione dello stesso. Firmando il proprio contratto individuale di lavoro, ogni collaboratore aderisce al CCL ai sensi dell’art. 356b CO.

Articoli 2.2 – 2.3

Campo d'applicazione geografico con carattere obbligatorio generale

La dichiarazione di obbligatorietà generale viene dichiarata valida per tutta la Svizzera.

Dichiarazione di obbligatorietà generale: articolo 2.1

Campo d'applicazione aziendale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni del contratto collettivo di lavoro (CCL) dichiarate di obbligatorietà generale si applicano a tutti i datori di lavoro con aziende o parti di aziende che forniscono servizi di sicurezza privati e che impiegano almeno 10 lavoratori in totale (compresi i dipendenti non soggetti alla dichiarazione di obbligatorietà) e ai loro lavoratori operativi, impegnati nei seguenti campi: sorveglianza, protezione delle persone e dei beni, controllo degli accessi, servizio in centrali d’allarme, sicurezza presso gli aeroporti (controllo di persone, documenti o bagagli), trasporto di denaro – CIT (Cash in Transit), trasporto di valori (orologi, gioielli, metalli preziosi, esclusa la gestione dei contanti), servizi manifestazione (controllo entrate e servizi alla cassa), servizi di assistenza alla sicurezza (i cosiddetti steward service) e servizi di circolazione (sorveglianza del traffico in stazionamento e regolazione del traffico).

Dichiarazione di obbligatorietà generale: articolo 2.2

Campo d'applicazione personale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni del contratto collettivo di lavoro (CCL) dichiarate di obbligatorietà generale si applicano a tutti i datori di lavoro con aziende o parti di aziende che forniscono servizi di sicurezza privati e che impiegano almeno 10 lavoratori in totale (compresi i dipendenti non soggetti alla dichiarazione di obbligatorietà) e ai loro lavoratori operativi, impegnati nei seguenti campi: sorveglianza, protezione delle persone e dei beni, controllo degli accessi, servizio in centrali d’allarme, sicurezza presso gli aeroporti (controllo di persone, documenti o bagagli), trasporto di denaro – CIT (Cash in Transit), trasporto di valori (orologi, gioielli, metalli preziosi, esclusa la gestione dei contanti), servizi manifestazione (controllo entrate e servizi alla cassa), servizi di assistenza alla sicurezza (i cosiddetti steward service) e servizi di circolazione (sorveglianza del traffico in stazionamento e regolazione del traffico).

Fanno eccezione i direttori e le direttrici, il personale amministrativo e non operativo.

Dichiarazione di obbligatorietà generale: articoli 2.2 e 2.3

Durata della convenzione

Proroga contrattuale automatica / clausola di proroga

Il CCL può essere disdetto tramite lettera raccomandata con un preavviso di 3 mesi e con effetto al 31 dicembre di ogni anno, per la prima volta con effetto al 31 dicembre 2022.

Articolo 30.2

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica

CoPa Sicurezza
CP 272
3000 Berna 15
www.pako-sicherheit.ch

info@pako-sicherheit.ch
control@pako-sicherheit.ch

Unia:
Arnaud Bouverat
031 350 22 60
arnaud.bouverat@unia.ch

Condizioni di lavoro

Salario e componenti salariali

Salari / salari minimi

2020 (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 1° giugno 2020):
Se l’entrata in servizio avviene prima del 1° luglio, l’anno di entrata viene calcolato come primo anno di servizio.

Categoria di assunzione A: orario di lavoro annuale di 2'000 ore
Anni di servizioSalario minimoSalario minimo trasporto di denaro (CIT) / valori
CHF 52'665.--CHF 52'665.--
CHF 53'630.--CHF 53'765.--
CHF 55'205.--CHF 55'190.--
CHF 56'545.--CHF 56'305.--
CHF 57'655.--CHF 57'330.--
CHF 58'230.--CHF 57'770.--
CHF 58'600.--CHF 57'840.--
CHF 58'980.--CHF 58'205.--
CHF 59'360.--CHF 58'575.--
10°CHF 59'720.--CHF 58'940.--
11°CHF 60'100.--CHF 59'305.--
12°CHF 60'480.--CHF 59'665.--
Dal 13°CHF 60'900.--CHF 60'085.--
I salari minimi annuali vengono adeguati in rapporto al tempo di lavoro che può essere compreso tra 1'801 e 2'300 ore.
I salari dei collaboratori di età inferiore ai 25 anni possono risultare inferiori al massimo di CHF 150.-- rispetto ai salari minimi sopraindicati.

Categoria di assunzione B: orario di lavoro annuale di 1'400 ore
Anni di servizioSalario minimoSalario minimo trasporto di denaro (CIT) / valori
CHF 34'475.--CHF 34'120.--
CHF 35'035.--CHF 34'685.--
CHF 35'770.--CHF 35'420.--
4° / Dal 4°CHF 36'680.--CHF 36'330.--
CHF 37'100.--/
Dal 6°CHF 37'450/
I salari minimi annuali vengono adeguati in rapporto al tempo di lavoro che può essere compreso tra 901 e 1800 ore.

Categoria di assunzione C:
CantoniSalario orario minimo senza indennità di vacanza 1° anno di servizioSalario orario minimo senza indennità di vacanza dal 2° anno di servizioSalario orario minimo senza indennità di vacanza dal 3° anno di servizioSalario minimo senza indennità di vacanza dal 4°anno di servizio
ZHCHF 23.45CHF 23.70CHF 23.90CHF 24.25
BS, BL, GECHF 22.95CHF 23.20CHF 23.40CHF 23.75
Altri CantoniCHF 22.45CHF 22.65CHF 22.85CHF 23.20

Categoria di assunzione C: Trasporto di denaro (CIT) / valori
CantoniSalario orario minimo senza indennità di vacanza 1° anno di servizioSalario orario minimo senza indennità di vacanza dal 2° anno di servizio
ZHCHF 23.35CHF 23.55
BS, BL, GECHF 22.85CHF 23.05
Altri CantoniCHF 22.35CHF 22.50

I collaboratori che hanno ottenuto l’attestato professionale federale di agente di sicurezza e di sorveglianza o di protezione persone e beni ricevono un supplemento minimo di CHF 200.-- al mese oltre al salario minimo (per un tempo di lavoro annuale di 2000 ore, pro rata per i dipendenti impiegati a tempo parziale) o un’indennità oraria di almeno CHF 1.20.

Qualora i collaboratori debbano effettuare missioni con un’arma da fuoco, ricevono un supplemento di CHF 2.-- all’ora o max. CHF 150.-- al mese. Sono esclusi da questa regola i quadri dirigenti che ricevono un salario superiore alla tariffa minima più il supplemento di CHF 2.-- all’ora o max. CHF 150.-- al mese. In generale è escluso da questo supplemento il settore del trasporto di denaro – CIT (Cash In Transit).

Qualora i collaboratori debbano effettuare interventi con un cane (conducenti di cani), viene loro corrisposta un’indennità forfettaria mensile di almeno CHF 150.-- oppure un’indennità oraria di almeno CHF 1.50 per ora di servizio prestata con un cane. Il datore di lavoro è inoltre tenuto ad assumersi i costi di un’eventuale autorizzazione cantonale nonché la copertura di responsabilità civile del cane durante il servizio. L’assicurazione di responsabilità civile del cane fuori dal servizio incombe al proprietario dell’animale.

Salario in caso di decesso: vedi Articolo 23.

Articoli 16, 19 e 23; Allegato 1

Categorie salariali

Categorie di assunzione:
A collaboratori con salario mensile con orario di lavoro fisso pattuito contrattualmente, compreso tra 1801 e 2300 ore per anno civile,
B collaboratori con salario mensile con orario di lavoro fisso pattuito contrattualmente, compreso tra 901 e 1800 ore per anno civile,
C collaboratori con salario orario con orario di lavoro fino a 900 ore di lavoro per anno civile, comprese le vacanze e l’abbuono di tempo del 10% nonché il supplemento di tempo (ai sensi dell'art. 14 cfr. 3 CCL.

Alla fine di ogni anno civile si accerta se le ore prestate dal collaboratore corrispondono all’orario di lavoro stabilito contrattualmente e se vengono rispettate le disposizioni in virtù delle tre categorie di cui sopra. Le ore prestate in eccesso vanno compensate con tempo libero o retribuite:
a. Nella categoria A le ore prestate in eccesso fino a un massimo del 5% possono essere computate al conteggio delle ore lavorative dell’anno successivo. Se il numero di ore prestate è maggiore, le ore in eccesso che superano il 5% vanno compensate con tempo libero della stessa durata o retribuite con il 100 % del salario lordo entro la fine di marzo dell’anno successivo
b. Nelle categorie B e C le ore prestate in eccesso fino a un massimo del 5% possono essere computate nel conteggio delle ore lavorative dell’anno successivo. Se il numero di ore prestate in eccesso è maggiore, le ore supplementari vanno retribuite con il 100% del salario lordo.

Se nelle categorie B e C con il consistente superamento dell’orario di lavoro viene anche raggiunta una categoria superiore, tutte le ore prestate vanno indennizzate secondo la categoria superiore e l’anno di servizio corrispondente. Se tale circostanza si ripete, il collaboratore rientra nella categoria di assunzione immediatamente superiore e nell’anno di servizio corrispondente, con un orario di lavoro fisso pattuito contrattualmente. In caso di assunzione nel corso di un anno civile l’orario di lavoro va rispettato al prorata, a condizione che il collaboratore abbia lavorato per oltre 3 mesi.

Articoli 8 e 8.3 – 8.4; Allegato 1

Aumento salariale

Le parti concordano di svolgere ogni anno delle trattative in autunno, in particolare riguardo ai salari.

Articolo 30.3

Indennità di fine anno / tredicesima mensilità / gratifica / premio per anzianità di servizio

Eventuale 13a mensilità (a seconda dell’azienda)

Assegni per i figli

Gli assegni per i figli sono versati in base alle disposizioni di legge.

Articolo 24

Supplementi salariali

Lavoro straordinario / ore supplementari

Ore in più e ore in meno / supplemento di tempo / durata massima del tempo di lavoro
Alla fine di ogni anno civile, il tempo di lavoro effettivo (ai sensi dell’art. 12) può divergere dal tempo di lavoro pattuito contrattualmente nella misura del +5% (ore in più) / –10% (ore in meno). Queste ore prestate in eccesso vanno compensate con tempo libero o retribuite. In caso di elevato numero di ore prestate in eccesso, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 8. Le ore prestate in difetto fino al –10% vanno riportate all’anno successivo e recuperate prestando il tempo di lavoro corrispondente.

A conclusione del rapporto di lavoro, le ore in più vengono retribuite almeno secondo i salari minimi previsti nell’allegato 1.

Qualora vengano prestate più di 210 ore al mese (secondo l’art. 12 CCL), sulle ore che superano tale limite (> 210 ore) viene accordato un supplemento di tempo di 25%. Queste ore in più – supplemento di tempo incluso – possono essere pagate o compensate con tempo libero nell’arco dei tre mesi successivi. Dalla presente regola è escluso il settore del trasporto di denaro – CIT (Cash In Transit).
Restano salve le prescrizioni previste dalla Legge sul lavoro.

Articoli 14.1 – 14.4

Lavoro notturno / lavoro al fine settimana / lavoro serale

In caso di cambiamento di sede durante il servizio (ad es. servizi di zona, servizi di pattuglia, ecc.) è considerato tempo di lavoro il tempo trascorso dall’inizio alla fine dell’intervento (compresi i tempi di viaggio). Tale disposizione si applica anche qualora i collaboratori debbano recarsi imperativamente prima in un altro luogo (base ecc.), ad esempio per prendere del materiale.

Articolo 12.2

Lavoro a turni / servizio di picchetto

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Rimborso spese

Ogni datore di lavoro è tenuto a rimborsare ai propri collaboratori le spese necessarie, sostenute durante il lavoro fuori sede. Il rimborso spese comprende in particolare l’indennità per le spese di viaggio effettivamente sostenute, il tempo di viaggio supplementare che non rientra nella fattispecie di cui all’articolo 12 cifra 3 ed altre eventuali spese sorte in caso di lavoro fuori sede.

Per contratto possono essere stabiliti al massimo due luoghi di assunzione. Questi possono trovarsi presso la sede principale dell’azienda (sede) / una filiale dell’azienda (succursale) / il luogo di servizio, il domicilio del collaboratore o un luogo in cui il collaboratore presta servizio regolarmente. Se nel contratto si stabiliscono due luoghi di assunzione, occorrerà designare chiaramente il luogo di assunzione principale (LAP) ed il luogo di assunzione secondario (LAS). Il rimborso per il tempo di viaggio supplementare non viene computato al tempo di lavoro conformemente al presente CCL e si basa su un’indennità oraria di CHF 22.20 e su una presunta media di 40 km percorsi in 1 ora (zone forfettarie 1 e 2), rispettivamente 70 km percorsi in un'ora (zona di regia e luoghi distanti di assunzione secondaria). Il criterio di calcolo applicabile è sempre il seguente: tragitto effettivo più corto dal luogo di assunzione principale al luogo di servizio concreto: andata e ritorno secondo «Google Maps».

Ai collaboratori vengono rimborsati il tempo di viaggio supplementare e le spese di viaggio effettivamente sostenute, tenendo conto dei tre scenari seguenti:

Se il collaboratore ha un solo luogo di assunzione, si applicano i seguenti criteri di calcolo per le spese e il tempo di viaggio:
Regione/ZonaDefinizioneIndennità/spese di viaggioIndennità/tempo di viaggio
Zona di assunzioneil luogo di servizio si trova in un raggio di 0.01 km - 10 km di distanza dal luogo di Assunzionenessuna indennitànessuna indennità
Zona forfettaria 1il luogo di servizio si trova in un raggio di 10.01 km - 20 km di distanza dal luogo di Assunzioneforfait CHF 7.--forfait CHF 5.60
Zona forfettaria 2il luogo di servizio si trova in un raggio di 20.01 km - 30 km di distanza dal luogo di Assunzioneforfait CHF 21.--forfait CHF 16.80
Zona di regia: rimborso degli oneri effettiviil luogo di servizio si situa oltre i confini della zona 2, a più di 30.01 km dal luogo di assunzionespese di viaggio [(2 × km dal LAP al luogo di servizio) - (2 x 10 km)] x CHF 0.70tempo di viaggio [(2 × km dal LAP al luogo di servizio) - (2 x 10 km)] x CHF 0.32

Se il collaboratore ha un luogo di assunzione principale (LAP) ed un luogo di assunzione secondario (LAS), che distano a meno di 40 km l’uno dall’altro, si applicano i seguenti criteri:
Regione/ZonaDefinizioneIndennità/spese di viaggioIndennità/tempo di viaggio
Luogo di assunzione principaleil luogo di servizio si trova in un raggio di 0.01 km - 10 km di distanza dal luogo di assunzione principale LAPnessuna indennitànessuna indennità
Zona forfettaria 1il luogo di servizio si trova in un raggio di 10.01 km - 20 km di distanza dal LAPforfait CHF 7.--forfait CHF 5.60
Zona forfettaria 2il luogo di servizio si trova in un raggio di 20.01 km - 30 km di distanza dal LAPforfait CHF 21.--forfait CHF 16.80
Zona di regia rimborso spese in base agli oneri effettiviil luogo di servizio si situa oltre i confini della zona 2, a più di 30.01 km di tragitto dal luogo di assunzione principalespese di viaggio [(2 × km dal LAP -> luogo di servizio) - 2 x 10 km) x CHF 0.70tempo di viaggio [(2 × km dal LAP -> luogo di servizio) - (2 x 10 km)] x CHF 0.32
Zona di assunzione secondariail luogo di servizio si trova in un raggio di 0.01 km - 10 km di distanza dal luogo di assunzione secondarionessuna indennitànessuna indennità

La zona di assunzione secondaria è da considerarsi prioritaria rispetto a tutte le zone forfettarie e rispetto alla zona di regia.

Se il collaboratore ha un luogo di assunzione principale (LAP) ed un luogo di assunzione secondario (LAS), i quali distano ad almeno 40 km l’uno dall’altro, si applicano i seguenti criteri:

Regione/ZonaDefinizioneIndennità/spese di viaggioIndennità/tempo di viaggio
Zona di assunzione principaleil luogo di servizio si trova in un raggio di 0.01 km - 10 km di distanza dal luogo di assunzione principale LAPnessuna indennitànessuna indennità
Zona forfettaria 1il luogo di servizio si trova in un raggio di 10.01 km - 20 km di distanza dal luogo di assunzione principaleforfait CHF 7.--forfait CHF 5.60
Zona forfettaria 2il luogo di servizio si trova in un raggio di 20.01 km - 30 km di distanza dal luogo di assunzione principaleforfait CHF 21.--forfait CHF 16.80
Zona di regiail luogo di servizio si situa oltre i confini della zona 2, a più di 30.01 km dal luogo di assunzione principaleRimborso spese in base agli oneri effettivi, spese di viaggio [(2 × km dal LAP -> luogo di servizio) – (2 x 10 km)] .X CHF 0.70Rimborso spese in base agli oneri effettivi, tempo di viaggio [(2 × km dal LAP -> luogo di servizio) – (2 x 10 km)] .X CHF 0.32
Zona di assunzione secondariail luogo di servizio si trova in un raggio di 0.01 km - 10 km di distanza dal luogo di assunzione secondarioRimborsi a forfait, forfait per spese di viaggio Base: [(2 x km LAP >LAS) - (2 x 40 km)] x CHF 0.70Rimborsi a forfait,forfait per tempo di viaggio Base: [(2 x km LAP >LAS) - (2 x 40 km)] x CHF 0.32
La zona di assunzione secondaria è da considerarsi prioritaria rispetto alla zona di regia.

Le disposizioni di cui sopra si applicano nella misura in cui il collaboratore stesso conduca un’autovettura o un ciclomotore privati. Ad eventuali passeggeri o conducenti di veicoli aziendali viene rimborsata unicamente l’indennità per il tempo di viaggio. Se il collaboratore utilizza i mezzi pubblici, viene rimborsato il prezzo del biglietto necessario, di seconda classe.

Qualora i collaboratori utilizzino l’auto privata su espressa disposizione del datore di lavoro o con il suo consenso, essi hanno diritto a un rimborso pari ad almeno CHF 0.70 per ogni chilometro percorso. Se il datore di lavoro mette comprovatamente a disposizione del collaboratore un veicolo di servizio o organizza altrimenti il trasporto e si fa carico della totalità dei costi, non è dovuto alcun rimborso per le spese di viaggio.

Se prima o dopo l’orario di servizio effettivo, un collaboratore deve eseguire trasporti su espressa disposizione del datore di lavoro (p.es. trasporto di persone, ritiro, consegna o restituzione di materiale ecc.) e quindi può raggiungere il suo luogo di servizio solo dal momento e dal luogo della consegna, il tempo di viaggio dal luogo di consegna/ritiro al luogo di servizio è considerato tempo di lavoro.

Se, nell’ambito di un incarico fuori sede chiaramente definito, il datore di lavoro mette a disposizione dei collaboratori un alloggio gratuito o un mezzo di trasporto collettivo (p.es. un servizio professionale di trasporto persone), i rappresentanti dei lavoratori e il datore di lavoro hanno la facoltà di applicare soluzioni a forfait in deroga alla presente regolamentazione, secondo la legge sulla partecipazione. Tali deroghe vanno notificate preventivamente alla CoPa indicandone il contenuto.

Al giorno, è possibile conteggiare a forfait un solo tragitto di andata e ritorno verso e dal luogo di servizio. Altri incarichi devono essere conteggiati in base all’articolo 12 cifra 3.

Se il luogo di assunzione viene modificato più di una volta nel corso di un anno civile, è necessario informare la CoPa precedentemente, motivando la modifica. Se ciò avviene più di due volte nel corso di un anno civile, è necessario il nullaosta della CoPa.

Per ogni mese in cui viene corrisposto un rimborso spese, il datore di lavoro consegna per iscritto ai collaboratori un conteggio verificabile delle spese. Esso comprende le indicazioni relative alla data ed al luogo dell’intervento, alla zona forfettaria o zona di regia per l’indennità del tempo di viaggio, nonché eventualmente alle spese di viaggio o ad altri costi occasionati dal lavoro fuori sede.


Articolo 18

Altri supplementi

Uniforme ed equipaggiamento
Il datore di lavoro mette a disposizione dei collaboratori in uniforme a sue proprie spese gli abiti di servizio (l’uniforme) e l’equipaggiamento necessario per l’esecuzione dell’attività. La scrupolosa cura dell’abbigliamento di servizio, comprese le piccole riparazioni, spetta al collaboratore. Le spese di pulizia conseguenti a sporco eccezionale durante il servizio e correttamente segnalate/rendicontate a livello interno sono a carico del datore di lavoro.

Articolo 11.1

Orario di lavoro e giorni liberi

Orario di lavoro

Il tempo di lavoro annuale comprende il tempo di lavoro effettivamente prestato, le pause retribuite e le vacanze, esclusi i giorni liberi elencati all’articolo 15 cpv. 1 CCL.

In caso di cambiamento di sede durante il servizio (ad es. servizi di zona, servizi di pattuglia, ecc.) è considerato tempo di lavoro il tempo trascorso dall’inizio alla fine dell’intervento (compresi i tempi di viaggio). Tale disposizione si applica anche qualora i collaboratori debbano recarsi imperativamente prima in un altro luogo (base ecc.), ad esempio per prendere del materiale.

Il datore di lavoro può definire a livello aziendale il tempo di lavoro annuale per un impiego a tempo pieno entro una fascia compresa tra un minimo di 1’801 e un massimo di 2’300 ore. Il tempo di lavoro annuale pattuito è vincolante per l’intera durata del rapporto di lavoro e non può essere modificato in modo unilaterale dal datore di lavoro.

Ogni mese il datore di lavoro consegna per iscritto a tutti i collaboratori un conteggio verificabile dell’orario di lavoro, che comprende le indicazioni relative agli impieghi effettivi (impiego/mandato, inizio e conclusione dell’impiego/mandato, abbuono di tempo (in virtù della precedente cifra 2, supplemento di tempo ai sensi dell’art. 14 cifr. 3), totale delle ore di lavoro fornite al giorno e al mese), alla formazione di base, ai periodi di riposo (pause e giorni liberi), nonché al saldo delle ore in eccesso e in difetto, al saldo delle vacanze, ai giorni di malattia e ad altre assenze. Il datore di lavoro è tenuto a conservare i conteggi degli orari di lavoro per almeno 5 anni.

Pause
Il lavoro deve essere interrotto da pause della durata minima di:
a. un quarto d’ora, se la durata del lavoro giornaliero supera le cinque ore e mezzo senza interruzione.
b. mezz’ora, se la durata del lavoro giornaliero supera le sette ore senza interruzione.
c. un’ora, se la durata del lavoro giornaliero supera le nove ore senza interruzione; le pause superiori alla mezz’ora possono essere frazionate.
Qualora il collaboratore non possa lasciare il suo luogo di lavoro durante le pause, esse vengono conteggiate e retribuite come ore di lavoro.

Articoli 12.1, 12.3 – 12.5 e 13.1 – 13.2

Vacanze

Categoria di assunzioneAnni di servizio / Categoria di etàSettimane di vacanza
Categorie A e BA partire dal 1° anno di servizio (fino al 4° anno compreso)4 settimane
A partire dal 5° anno di servizio e dal 45° anno di età5 settimane
A partire dal 10° anno di servizio e dal 40° anno di età5 settimane
A partire dal 15° anno di servizio5 settimane
Fino al compimento del 20° anno di età5 settimane
A partire dal 10° anno di servizio e dal 60° anno di età6 settimane
Categoria C (*1)Fino al compimento del 20° anno di età5 settimane
a partire dall’anno civile in cui compiono il 21° anno di età4 settimane
(*1) Il versamento periodico del salario delle vacanze è ammesso solo in caso di lavoro a tempo parziale irregolare o di impieghi di breve durata, a condizione che sia previsto per iscritto nel contratto di lavoro e che il salario relativo alle vacanze sia menzionato separamente su ogni conteggio salariale. Per il resto il salario delle vacanze va versato al momento dell’effettiva fruizione delle vacanze.

Per il computo delle vacanze vale l’anno civile. Se l’entrata in servizio avviene prima del 1° luglio, l’anno viene calcolato come primo anno di servizio; se il compleanno cade prima del 1° luglio, l’anno viene calcolato come intero anno d’età. (...)

In caso di impedimento al lavoro senza colpa (malattia, infortunio, servizio civile e militare) per 2 mesi completi oppure in caso di impedimento al lavoro per maternità e parto di 3 mesi completi, il diritto annuale alle vacanze viene ridotto di un dodicesimo; per ogni mese completo supplementare di assenza il diritto viene ulteriormente ridotto di un dodicesimo. Se il rapporto di lavoro inizia o termina durante l’anno civile, per ogni mese di lavoro effettuato il collaboratore in questione ha diritto ad 1/12 delle vacanze previste per l’intero anno.

Articolo 20

Giorni di congedo retribuiti (assenze)

Occasionegiorni compensati
per il proprio matrimonio/la propria registrazione dell’unione domestica3 giorni di lavoro
per il matrimonio/la registrazione dell’unione domestica dei figli1 giorno di lavoro
per la nascita di figli propri3 giorni di lavoro
per la morte del coniuge, del partner registrato, di figli o dei genitori del collaboratore3 giorni di lavoro
per la morte di fratelli, nonni o suocerid el collaboratore1 giorno di lavoro
per il trasloco, purché non si cambi datore di lavoro1 giorno di lavoro/anno

Articolo 21

Giorni festivi retribuiti

Ai collaboratori spettano 112 giorni liberi all’anno. Il relativo calcolo si effettua sulla base di 52 domeniche, 52 sabati e 8 giorni festivi (9 giorni festivi ordinari, dedotto 1 giorno che nel corso dell’anno in media si sovrappone a una domenica o ad un sabato).

Articolo 15.1

Congedo di formazione

La formazione di base dei collaboratori comprende almeno 20 ore e avviene durante il periodo di prova.
La formazione di base vale come tempo di lavoro ordinario e non comporta alcun costo per il collaboratore. Se il collaboratore scioglie il rapporto di lavoro durante il periodo di prova, non va indennizzato per il tempo dedicato alla formazione di base. Il datore di lavoro è tenuto a confermare il conseguimento della formazione di base su carta intestata. La conferma va custodita negli atti del personale. La formazione di base va seguita al di fuori del servizio. È complementare alla formazione teorica basilare nei concordati e non la sostituisce. I collaboratori con un attestato professionale federale del ramo dei servizi sicurezza non devono assolvere la formazione di base.

Articoli 10.1 – 10.4

Indennità per perdita di guadagno

Malattia / infortunio

Malattia
Il datore di lavoro deve assicurare i collaboratori contro la perdita di guadagno per incapacità lavorativa senza colpa dovuta a malattia. Fanno eccezione i collaboratori in età AVS, che possono essere assicurati solo minimamente o non possono esserlo più.

l diritto all’indennità giornaliera di malattia corrisponde almeno all’80%, calcolato sulla base del salario medio soggetto all’AVS. Nella categoria di assunzione C tale diritto viene calcolato sulla base del salario medio soggetto all’AVS degli ultimi nove mesi civili. L’indennità giornaliera di malattia viene concessa al più tardi a partire dal 2° giorno per una durata di 720 giorni nell’arco di un periodo di 900 giorni.

Almeno la metà dei contributi assicurativi effettivi per l’indennità giornaliera di malattia è a carico del datore di lavoro. È ammesso un periodo di attesa massimo di 60 giorni per beneficiare delle prestazioni dell’assicurazione di indennità giornaliera in caso di malattia. Durante questo periodo il datore di lavoro è tenuto a continuare a versare il salario. Le prestazioni versate, dedott i contributi alle assicurazioni sociali, devono corrispondere a quelle fornite dall’assicurazione di indennità giornaliera in caso di malattia.
Ogni assenza per incapacità lavorativa deve essere immediatamente comunicata al datore di lavoro.

Le disposizioni qui previste per l’indennità nei casi di incapacità lavorativa sostituiscono l’obbligo di versamento del salario da parte del datore di lavoro secondo l’articolo 324a CO, a condizione che l’assicurazione d’indennità giornaliera di malattia non abbia previsto riserve o esclusioni.

Articoli 17.1 – 17.6

Servizio militare / civile / di protezione civile

Collaboratori delle categorie salariali A e B:
Tipo di servizio% del salario
Durante altri periodi di servizio obbligatorio fino a 4 settimane per anno civile. La disposizione si applica anche ai militari in ferma continuata a conclusione della formazione militare di base.100%
Durante la formazione militare di base/ scuola reclute (SR) come recluta (durante questo periodo anche per i militari in ferma continuata) e per ulteriori periodi di servizio (servizi di avanzamento):
– celibi senza obbligo di mantenimento50%
– coniugati o celibi con obbligo di mantenimento90%

I collaboratori della categoria di salario C ricevono almeno le prestazioni previste dall’ordinamento delle indennità per perdita di guadagno (IPG).

Articolo 22

Regolamentazioni in materia di pensionamento / pensionamento anticipato

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Contributi

Fondo paritetico / contributi per le spese di esecuzione / contributi per il perfezionamento

I datori di lavoro e i collaboratori, versano i contributi ai costi di applicazione e di formazione continua a copertura delle spese risultanti dall’applicazione e attuazione del CCL. Il datore di lavoro versa il contributo annuale alla CoPa al più tardi entro il 30 giugno dell’anno in corso.

Contributi dei dipendenti
Categoria di assunzioneContribuzione
ACHF 30.-- l'anno o CHF 2.50 il mese
B e CCHF 1.5 centisimi per ogni ora prestata
Tale importo viene detratto direttamente dal salario del collaboratore e deve essere indicato nel conteggio salariale. I datori di lavoro che si fanno carico di tutto o parte di questo contributo devono menzionare l’importo sul conteggio salariale o attestarlo almeno una volta l’anno con una semplice lettera.

Contributi dei datori di lavoro
Categoria di assunzioneContribuzione
ACHF 30.-- l'anno o CHF 2.50 il mese per i collaboratori della categoria A che sottostanno al CCL
B e CCHF 1.5 centisimi per ogni ora prestata per i collaboratori che sottostanno al CCL nelle categorie di assunzione B e C

I datori di lavoro versano inoltre un contributo definito in funzione delle dimensioni dell’azienda. L’importo viene calcolato sulla base di posti di lavoro a tempo pieno (indipendentemente dal fatto che si tratti di retribuzione su base mensile o su base oraria). Gli impieghi a tempo parziale devono essere convertiti in impieghi a tempo pieno. Per ogni datore di lavoro questo importo ammonta a:

Dimensioni dell’aziendaContributo l'annoContributo il mese
se l’azienda conta 100 dipendenti a tempo pieno o un numero inferioreCHF 750.--CHF 62.50
se l’azienda conta più di 100, ma meno di 501 dipendenti a tempo pienoCHF 1'500.--CHF 125.--
se l’azienda conta più di 500, ma meno di 1001 dipendenti a tempo pienoCHF 2'000.--CHF 166.65
se l’azienda conta più di 1000 dipendenti a tempo pienoCHF 4'000.--CHF 335.35

Articolo 6

Protezione del lavoro / contro la discriminazione

Disposizioni antidiscriminazione

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Parità in generale / parità salariale / conciliazione della vita professionale e familiare / molestie sessuali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Sicurezza sul lavoro / protezione della salute

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Apprendisti / dipendenti fino a 20 anni d'età

Vacanze (conforme alla legge):
– fino a 20 anni compiuti/ Apprendisti: 5 settimane (25 giorni lavorativi)
– congedo giovanile (fino a 30 anni di età, per svolgere del volontariato nel campo delle attività giovanili, senza diritto alla retribuzione): 5 giorni di formazione supplementari

Articolo 20, CO 329a+e

Disdetta

Termine di preavviso

Ogni assunzione deve avvenire tramite un contratto di lavoro scritto. La CoPa mette a disposizione dei modelli di contratto. Nel contratto di lavoro e nei conteggi salariali mensili vanno definiti le categorie di assunzione, l’orario di lavoro fisso stabilito contrattualmente per le categorie A e B e il luogo di assunzione.

Il periodo di prova è di 3 mesi. Nel caso di un passaggio ad un’altra categoria di assunzione, la durata del rapporto di lavoro precedente al passaggio verrà conteggiata nel periodo di prova. Durante il periodo di prova, il datore di lavoro è tenuto a impartire una formazione di base al collaboratore.

Durata dell'impiegoTermine di disdetta
Durante i primi 14 giorni del periodo di prova1 giorno
Durante il restante periodo di prova7 giorni
Nel 1° anno di servizio1 mese, per la fine del mese
Dal 2° al 9° anno di servizio compreso2 mesi, per la fine del mese
Dopo il 9° anno di servizio3 mesi, per la fine del mese

Nel caso di una risoluzione del contratto con effetto immediato, si procederà ad informare immediatamente la CoPa.

Articoli 9.1 – 9.5

Protezione contro il licenziamento

Nel caso di una risoluzione del contratto con effetto immediato, si procederà ad informare immediatamente la Commissione aziendale, il rappresentante del personale o la CoPa.

Articolo 9.5

Partenariato sociale

Parti contraenti

Rappresentanza dei lavoratori

Sindacato Unia

Rappresentanza dei datori di lavoro

VSSU – Associazione imprese svizzere servizi di sicurezza

Organi paritetici

Organi d'esecuzione

Alla CoPa spettano i seguenti compiti e competenze:
a. la CoPa decide sulle controversie d’interpretazione del CCL;
b. la CoPa controlla che siano rispettate le disposizioni del presente CCL tramite controlli periodici o in seguito a denuncie. La CoPa è autorizzata ad accedere alle singole aziende, a consultare la documentazione necessaria e ad interrogare i datori di lavoro e i collaboratori;
c. qualora si constatino delle violazioni del contratto, la CoPa decide in merito alle sanzioni e al relativo addebitamento dei costi e ne controlla l’applicazione;
d. la CoPa è competente per l’incasso dei contributi ai costi d’applicazione.

Articolo 5.3

Fondo

Per la copertura dei costi di applicazione del presente CCL e per la formazione di base e continua viene gestito un fondo amministrato pariteticamente. I contributi dei datori di lavoro e dei collaboratori ai costi di applicazione e di formazione continua vengono versati in questo fondo.

Articolo 6.4

Partecipazione

Congedo per partecipare alle attività sindacali

Ai sensi del Regolamento per il contributo contrattuale e di formazione della CCL.

Disposizioni in materia di partecipazione (commissioni aziendali, commissioni giovanili ecc.)

Per trattare le questioni interne aziendali, il personale soggetto al CCL elegge, dalle proprie file, una o più commissioni aziendali. Nelle aziende con meno di 50 dipendenti, al posto della commissione aziendale può essere eletto un delegato dei collaboratori.

I compiti vanno definiti all’interno di un regolamento. In esso vengono concretizzati a livello aziendale i diritti legali di partecipazione, segnatamente in materia d’informazione in caso di modifiche essenziali ai regolamenti e diritto della commissione di essere ascoltata nelle regolamentazioni relative alla protezione della salute e alla sicurezza sul lavoro.

Le aziende sono obbligate a supportare le commissioni aziendali ovvero i delegati dei collaboratori nell’espletamento delle loro funzioni. Entro il 30 giugno di ogni anno le aziende comunicano alla CoPa e alle parti sociali i nomi e le funzioni precise dei membri della commissione aziendale/ dei delegati dei collaboratori. Le parti sociali sono autorizzate a prendere cont.atto con loro, passando sempre e comunque attraverso le aziende.

Articolo 28

Disposizioni di protezione per i delegati sindacali e i membri delle commissioni aziendali/del personale

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Misure sociali / piani sociali / licenziamenti di massa / mantenimento dei posti di lavoro

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disciplina sui conflitti

Procedura di conciliazione

LivelloInstituzione responsabile
1° livellotrattative dirette
2° livellotribunale arbitrale (= Ufficio federale di conciliazione)
Vertenze d’impiego di tipo individualetribunali ordinari

Articolo 29

Obbligo della pace

Per tutta la durata del contratto, le parti si impegnano a mantenere la pace assoluta del lavoro. Le eventuali divergenze che possono risultare dall’interpretazione e dall’applicazione delle presenti disposizioni contrattuali saranno oggetto di trattative dirette tra le parti contraenti.

Articoli 29.1 e 29.2

Cauzione

Ai fini della garanzia dei costi di controllo e delle spese procedurali, pene convenzionali incluse, nonché dei costi per l’applicazione e la formazione continua, prima di iniziare l’attività lavorativa ogni datore di lavoro è tenuto a depositare presso la CoPa una cauzione. I dettagli sono regolati nell’Appendice 2.

Articolo 7, Appendice 2

Documenti e link  inizio pagina
» Decreti del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale
» Commissione Paritetica Sicurezza
» CCL per il ramo dei servizi di sicurezza privati 2014 (Edizione 2020) (301 KB, PDF)

Esportazione inizio pagina
» Documento PDF
» Scarica file Excel
Salario usuale del ramo professionale: inizio pagina
 

    Al momento il suo elenco dei preferiti non contiene alcuna versione di CCL.


Unia Home


Produktion (Version 5.4.9)